Aspettiamo

«Pronto?»

«Mamma!»

«Tesoro, tutto bene?»

«Hai letto?»

«No, cosa? Oggi ho lavorato tutto il giorno e non ho aperto nemmeno una volta internet. Sai in smartworking invece di otto se ne lavorano dieci di ore.»

«è stato firmato il nuovo DPCM

Sento freddo. Di nuovo. Eppure me lo aspettavo. Non me lo aspettavo. Era inevitabile. Era evitabile.

«Dovevo tornare lo scorso weekend, lo sapevo!»

«Stai tranquilla. Cosa c’è scritto? Magari possiamo vederci lo stesso.»

«Non lo so, non capisco. Non so nemmeno se sia già stato pubblicato.»

È già stato pubblicato. Zona rossa. Di nuovo. Sembra da sempre. Sembra non cambiare mai niente. È specificato. Non ci possiamo vedere. I congiunti non si possono incontrare. È solo un virus, passerà. Una pandemia sì, della solitudine.

«Come facciamo! Ormai non ho più la residenza lì.»

«Niente tesoro, aspettiamo. Non possiamo fare altro.»

Attendiamo. Siamo egoisti a pensare solamente a quanto ci dispiaccia non vederci? Forse sì. Forse no.

Una cosa è certa, con la mascherina sul viso le lacrime si asciugano da sole.

Accendo il computer. Accende il computer.

«Dai che ci vediamo lo stesso!»

Sorrido, ignoro lo schermo che si blocca.

«Non è la stessa cosa.»

Lo so, non è la stessa cosa, ma per adesso, è qualcosa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: