La rilegatrice di storie perdute, Cristina Caboni

La rilegatrice di storie perdute scritto da Cristina Caboni è un romanzo che infonde coraggio

La befana quest’anno mi ha portato in fondo al letto, al posto della calza, “La rilegatrice di storie perdute” di Cristina Caboni. E’ stata una meravigliosa sorpresa, perché sembra che sia successo qualcosa di magico quando il libro di cui avevi bisogno riesce a trovarti.

Sofia sta percorrendo una strada che non riconosce più, non sa nemmeno come ci sia arrivata fino a quel punto. Intrappolata in un matrimonio in cui non si riconosce, cercando di essere la versione ideale di se stessa che a lei sembra tutto fuorché perfetta.

Ad aiutarla è una donna del passato: Clarice. Le sue lettere trovate in un libro antico sembrano mostrarle una nuova strada, una nuova versione di sé di cui potrebbe riappropriarsi. La legatoria è la sua passione e quando si imbatte in un simpatico bibliotecario e un romanzo del passato, tutto il suo impegno torna a galla. Deve scoprire chi era quella rilegatrice che le parla dalle lettere nascosta, lo deve fare in onore della sua memoria, ma anche per continuare a trovare quella strada perduta.

Iniziano così i veri cambiamenti e una nuova avventura che l’accompagna alla ricerca di due libri mancanti all’appello della trilogia di Fohr e ad aiutarla sarà un uomo gentile, e un ottimo grafologo: Tomaso Leoni.

Consiglio questo libro che ho adorato dall’inizio alla fine. La scrittrice di Cristina Caboni è cristallina, così riesce a trasmettere i personaggi in tutta la loro essenza. La fragile, ma forte Sofia. Il diffidente, ma genuino Tomaso. I personaggi si parlano, prima di farlo davvero. Con i loro gesti, comportamenti, letture.

Certe volte per ritrovare noi stessi ci serve solo il libro giusto, che non fa altro che raccontarci quello che vorremmo sentirci dire.

“Quello che puoi o non puoi fare dipende dalla tua decisione di provarci. E dalla tua determinazione nel perseguire lo scopo.”

_ La rilegatrice di storie perdute, Cristina caboni _

_Giuls

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: