Reading Hunters in the world – la cancelleria

Non è questione di estrazione sociale perché la propensione all’acquisto di cancelleria non è direttamente proporzionale allo stipendio a fine mese; se sei un cacciatore di letture l’importo sull’estratto conto sarà sempre alto, non esistono eccezioni.

La mente ci prova ad essere ragionevole e pone la fatidica domanda: ti serve veramente?

Eppure non conta quanti portapenne si abbiano in stanza, quanti astucci straripanti, quante librerie incurvate per il peso dei quaderni, se il nostro olfatto percepisce aroma di cartoleria il bancomat striscia e il portafoglio piange.

Che saranno mai tre agende per il 2020, siamo persone in carriera, potrebbero servire tutte. E gli appunti dove li scrivo? Cosa? … no quella pila di quaderni non è mia, chi te lo fa pensare. Per essere sinceri, non so come io faccia a perdere tutte le matite che compro. Una rimane nello zaino, l’altra si nasconde sotto il banco a lezione, è un attimo che te ne serve un set nuovo.

Siamo fatti così e riconoscerlo è già un passo verso la guarigione. Purtroppo, mettiamoci tutti il cuore in pace, la soluzione non c’è. Perciò procuratevi degli amici dei quali fidarvi che vi trattengano quando scorgono in lontananza l’ennesima cartoleria e vi salvino dall’accumulazione seriale.

Giuls

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: